DIALETTO DE BELÙN


    • abordìr: v. abortire
    • acòrder: v. accorgere
    • afanàr: v. darsi da fare con impegno
    • afano: 1. n. affanno, nausea; 2. n. preoccupazione, impegno
    • agro: 1. agg. stufo, nauseato; 2. agg. avariato
    • ai: n. aglio
    • alberèl: n. 1. n. pioppo tremulo; 2. n. porcinello rosso
    • alegròn: n. calabrone
    • almànco: avv. almeno
    • aloc: n. allocco
    • amol: n. susina, frutto del susino asiatico
    • amolèr: n. susino, pianta del susino asiatico
    • an: 1. art. uno; 2. n. anno
    • anca: 1. avv. anche, pure; 2. n. anca
    • anda: 1. n. saettone;2. avv. fretta; 3. ndar de anda: andare veloci, in fretta
    • andè: 1. avv. dove; 2. v.verb. imperativo e indicativo presente (2.a persona pl.) del verbo andare
    • anèl: n. anello
    • ànera: n. anitra
    • anziàna: n. genziana
    • ao: n. ape
    • ari: senza dir ne ari ne stari: senza dire niente
    • arlevàr: v. allevare
    • armeròn: n. armadio
    • as: 1. n. asse, assi; 2. n. asso, assi
    • asàr: v. lasciare
    • aséi: avv. abbastanza
    • àsen: n. asino, asini
    • asenàda: 1. n. insulto; 2. n. asineria
    • Asènza: n. Ascensione
    • àstico: n. elastico
    • avedìn: n. abete bianco

    • baba: agg. donna chiaccherona, pettegola
    • babàu: n. personaggio immaginario, usato come spauracchio per i bambini
    • bac: no far gnenca bac: stai zitto, non dire una parola
    • bacà: agg. bacato
    • bacàn: 1. n. baccano, rumore; 2. n. affittacamere, gestore di pensione
    • bacàr: parlare
    • bachét: 1. n. bastone, bastoni; 2. rametto, rametti
    • bachéte: 1. n. rametto, rametti
    • bacò: n. particolare tipo di uva e vino nero
    • bagigi: n. arachidi
    • bagnarìz: n. guazzo, terreno pregno di umidità
    • bagolìna: n. bastone da passeggio di castagno con l’impugnatura ricurva
    • baiàda: n. abbaiata
    • baiàr: v. abbaiare
    • bala: 1. n. palla; 2. n. frottola, bugia; 3. n. sbronza, ubriacatura
    • balànza: n. bilancia
    • balàrin: n. ballerino
    • balbo: agg. balbuzziente
    • balegàr: v. calpestare
    • balegàr: v. calpestare
    • balin: n. pallino, pallini
    • balòn: 1. n. pallone; 2. agg. uno che racconta frottole
    • banca: 1. n. panca; 2. n. banca
    • banda: 1. avv. lato, parte; 2. n. banda
    • bando: inter. usato dai bambini per chiedere una pausa nel gioco
    • bandòn: n. fusto di latta di medie, grosse dimensioni
    • baràcada: n. baldoria
    • baran’c: n. mugo
    • barba: 1. n. zio; 2. n. barba
    • barbagigi: n. arachidi
    • barbotar: v. borbottare
    • bardoi: n. orecchie a sventola, orecchie grandi
    • barèla: 1. n. barella; 2. n. carriola
    • baréta: n. berretto
    • barlùn: n. barlume
    • baronàda: n. mascalzonata
    • bartorèla: n. sportello
    • barufànte: agg. persona incline alla lite
    • barufàr: v. litigare, azzuffarsi
    • barzol: n. lobo dell’orecchio
    • basàr: v. baciare
    • basnàr: v. macinare
    • basnìn: n. macinino, macinici
    • baso: n. bacio
    • bastànza: avv. abbastanza
    • bastardàr: v. imbastardire
    • batarìa: n. cianfrusaglie, assieme di poco o punto valore
    • batedà: agg. battezzato
    • batedàr: v. battezzare
    • batédo: n. battesimo
    • bàter: n. v. battere
    • batòcio: n. batacchio
    • batòla: n. parlantina, loquacita’
    • batùda: n. stipite della porta
    • bau sete: inter. usato per sorprendere i bambini
    • bavaròl: n. bavaglino
    • bavesèla: n. aria fredda e pungente
    • bàzega: 1. n. cosa, oggetto inutile; 2. n. discorso indensato, inconcludente
    • bazilàr: v. vaneggiare
    • bearàr: v. abbeverrare
    • becàda: 1. n. puntura d’insetto; 2. n. l’azione di chi cade in un tranello
    • becamòrt: 1. n. becchino; 2. agg. di persona triste e cupa
    • becanòt: 1. n.lapsus, errore nel discorso; 2. n.beccacino reale;
    • becàr: 1. v. cadere in un tranello; 2. v. pungere, irritare (da insetto o erba)
    • becarìa: n. macelleria
    • bech: 1. n. caprone, caproni, ariete, arieti; 2. n. camoscio/camosci maschi
    • bechèr: n. macellaio
    • becòn: n. puntura d’insetto
    • belche: avv. gia’, di gia’
    • belumàt: agg. bellunese
    • Belùn: n.pr. Belluno
    • belùriga: n. vilucchio
    • Bepi, Bepo: n.pr. diminutivo di Giuseppe
    • bestemàr: v. bestemmiare
    • besùc: agg. strano, pazzerello
    • beucàr: v. bere fino ad uno stato di leggera ubriachezza
    • bianàr: v. bagnare
    • biavèr: n. ripostiglio per granaglie
    • bicér: n. bicchiere
    • bicérin: n. bicchierino
    • bici: 1. n. piccolo arnese non ben definito; 2. n. bicicletta
    • bìcio, bìciot: n. piccolo arnese non ben definito
    • biéta: 1. n. piccolo cuneo; 2. n. barbabietola
    • bìgol: no tira ‘n bìgol de vent:non c’è nemmeno uno spiffero di vento
    • biro’c: n. carro, carretto
    • bis: 1. n. insetto, insetti; 2. n. verme, vermi
    • bi-sa: n. biscia, serpente
    • bisa boa: n. serie di curve
    • bisa d’aqua, bisa rospèra: n. natrice
    • bisa orba: n. orbettino
    • bisata: n. anguilla
    • bisèf: avv. in abbondanza
    • biso: agg. grigio
    • bisòn’c: n. bisogno
    • bisònt: agg. bisunto
    • bisùc: agg. strampalato, persona strana
    • bò: n. bue
    • boàt: n. piccolo del camoscio
    • boba: n. mucca, vacca (usato in genere dai/per i bambini)
    • bocàl: 1. n. boccale; 2. n.pitale
    • bòcia: n. ragazzo
    • bòcol: n. 1. n. bocciolo; 2. n.riccio di capelli
    • boi: 1. n. buoi; 2. n. bollita;3. v.verb. indicativo presente (3.a persona sing. e pl.) del verbo bollire
    • boì: agg. bollito
    • boiàca: n. malta molto liquida
    • boìer, boìr: v. bollire
    • boiòn: n. stagno, pozza d’acqua profonda
    • Boldàn: n.pr. Bolzano Bellunese
    • bombàsin: n. bambagia fine
    • bombàso: n. bambagia
    • bombo: agg. zuppo, intriso
    • bon: 1. agg. buono; 2.savér da bon: avere un buon sapore
    • bon: 1. agg. buono; 2.savér da bon: avere un buon sapore
    • bona: 1. agg. buona; 2. agg. capace, in grado di3. tornar in bona
    • bonazièra: n. apparenza di gentilezza, cortesia
    • bonazòn: agg. bonaccione, di buon cuore
    • bondànza: n. abbondanza
    • bonmarcà: avv. a buon prezzo
    • bonòra: avv. presto
    • bonòrivo: agg. che e’ in anticipo, mattiniero
    • bordèl: n. rumore, confusione
    • borìr: v. stanare
    • borse: 1. n. borse; 2. agg. persona sciocca, infida
    • bòrsol: n. barattolo
    • borsolòt: n. barattolo
    • boscàt: n. cespuglio, cespugli
    • bosch: n. bosco, boschi
    • bot: 1. n. botto, colpo; 2. n. le ore tredici
    • botàr: v. ammaccare
    • botìn: n. ombelico, ombelichi
    • botonàda: n. affermazione pungente
    • botonàr: n. abbottonare
    • botonèra: n. chiusura dei pantaloni
    • boza: n. bottiglia, boccia
    • bozòn: n. capiente boccia di vetro
    • braghe, braghe-se: n. calzoni
    • brancàda: n. un mucchio (di)
    • brancàr: v. prendere, acchiapare
    • bràndol: n. alare del caminetto
    • brasòla: n. braciola
    • bratadòra: n. ampio vano della madia per la farina di granoturco
    • braz: n. braccio, braccia
    • brazàda: 1. n. bracciata (di legna, fieno); 2. agg. abbracciata
    • brazàr: v. abbracciare
    • brédol: n. betulla, betulle
    • brega: n. asse di legno di medio spessore
    • brincàr: v. prendere, acchiappare
    • brìngia: n. cesta cilindrica di grossi vimini
    • brisa: n. boleto granuloso
    • brìscandol: n. luppolo selvatico
    • brìtola: n. coltellino tascabile con la lama ricurva
    • broa: n. periodo della fermentazione dei salami
    • broàda: n. scottatura
    • broàr: v. scottare
    • broca: 1. n. caraffa, brocca; 3. n. chiodo artigianale da scarpe
    • bròia: n. crosta di ferita, escoriazione
    • bròmbol: n. frutto del biancospino
    • bronza: 1. n. brace 2. bronza querta: persona diversa da ciò che appare
    • bronzèr: n. braciere, bracieri
    • brosa: 1. n. brina; 2. n. periodo di freddo e gelate
    • brusàr: 1.v. bruciare; 2.v. marinare la scuola
    • brusch: n. brufolo, brufoli
    • bruschin: n. spazzola con setole metalliche
    • brusòr: n. bruciore
    • brustolàr: v. abbrustolire
    • buàza: n. escremento di bovino
    • bùcola: n. orecchino
    • budèl: 1.n. budello, intestino; 2.n. ambiente stretto
    • buligàr: v. rumoreggiare basso e ripetuto(di tuoni lontani, borbotii intestinali
    • bùrcio: n. zangola
    • burlàch: n. tempo tempestoso che preannuncia temporali
    • burlamàt, burlàn: agg. burlone
    • bus: 1. n. buco, buchi
    • busèta: n. bucchetta
    • busia: 1.n. bugia; 2.n. trucciolo del legno
    • busieron: agg. fanfarone, racconta frottole
    • busigàtol: n. piccolo locale, piccolo spazio
    • busnàr: v. rumoreggiare cupo, basso e continuo(di acque lontane, del temporale in arrivo)
    • butìro: n. burro

     

    • caciavìde: n. cacciavite, cacciaviti
    • cagnàra: n. il rumore prodotto da più voci alte e sovrapposte
    • cagnàra: n. il rumore prodotto da più voci alte e sovrapposte
    • cagnarìa: n. il rumore prodotto dall’abbaiare di più cani
    • cagnòn: 1. n. grosso cane; 2. n. odore tipico di persone sporche, trascurate
    • caìgia n. caviglia
    • caìn: n. catino, catini
    • calamàr: n. occhiaia, occhiaie
    • calcagn: n. calcagno
    • calchéra: n. fornace di calce
    • caldàna: 1. n. vampa di calore; 2. n. base di cemento al pavimento
    • calgéra: n. paiolo
    • calìden: n. fuliggine
    • caliéra: n. paiolo
    • càlivo: agg. tempo o cielo non limpido anche se non nuvoloso
    • calòri: n. afa
    • calt: agg. caldo
    • calumàr: v. valutare
    • calzét: n. calzino, calzini
    • calzìna: n. calce
    • caminàda: n. passegiata
    • camìsa: n. camicia
    • camòra: n. imbroglio
    • camòrz: n. camoscio, camosci

    • dal: 1. prep. dal; 2. n. giallo
    • dàlmeda: n. zoccolo alla dalmata
    • dambra: n. zoccolo
    • danàr: v. creare preoccupazioni, preoccupare, affannare
    • dapartùt: avv. dappertutto
    • dar: v. dare
    • darghe, darghen: loc.v. dare, dargli, dargliene;
    • de: art. di
    • dela: art. della
    • dénero: n. genero
    • denòcio: n. ginocchio
    • dent: 1. n. dente; 2. n. gente
    • deogràzia: inter. grazie a Dio
    • derla: n. gerla
    • dermàn: n. cugino
    • desbrigar: 1. v. sparecchiare; 2. v. mettere in ordine
    • descargàr: v. scaricare
    • desciodàr: v. schiodare
    • descòlz: agg. scalzo
    • descuèrdar: v. scoprire
    • descusìr: v. scucire
    • desedàr: v. svegliare
    • desfàr: v. disfare, sciogliere
    • desfasàr: v. sfasciare
    • desfàt: 1. agg. disfatto; 2. agg. stanco morto
    • desfrìder: v. friggere
    • desfrìt: n. soffritto
    • desgionfàr: v. sgonfiare
    • desgropàr: 1. v. sciogliere; 2. v. sgranchire
    • desìo: n. grande caos
    • desleguàr: v. passare dallo stato solido allo stato liquido,in particolare riferito alla neve
    • desligàr: v. slegare
    • desmentegàr: v. dimenticare
    • desmisiàr: v. svegliare
    • desmontegàr: v. scendere dalla malga con il bestiame
    • desòrden: n. disordine
    • desparàr: v. disimparare
    • despegolàr: v. togliere dagli impicci
    • despèrder: v. abortire spontaneamente
    • despetenàr: v. spettinare
    • despetolàr: v. sbrogliare, sgarbugliare
    • despiàser: v. dispiacere
    • despicàr: v. staccare
    • despoiàr: v. spogliare
    • desquèrder: v. scoprire
    • destacàr: v. staccare
    • destiràda: v. lungo tratto piano e/o rettilineo
    • destiràr: 1. v. stendere, sdraiare; 2. v. sgranchire

    • el: pr. pers. lui, esso
    • esempòn: n. ndar a l’esempon: andare all’estero, lontano, per lavorare

    • fadìga: n. fatica
    • faganèl: 1. n. fanello; 2. agg. ragazzo inesperto
    • faghèr: n. faggio, faggi
    • falcàr, falchér: n. manico della falce
    • falchét: n. gheppio
    • falz: n. falce, falci
    • fameia: n. famiglia
    • fan: n. fame
    • fanèla: n. flanella
    • farinèla: n. piede d’oca (l’erba)
    • fas, fasa: n. fascio, fascia
    • fasadùra: n. fasciatura
    • fasàr: v. fasciare
    • fasìn: n. fascina, fascine
    • fasòl: n. fagiolo
    • fasolèra: n. pianta del fagiolo
    • fastùch: n. filo di fieno, d’erba
    • fazendòn: n. faccendone
    • fazolét: n. fazzoletto
    • féda: n. pecora
    • fémena: 1. n. femmina; 2. n. moglie
    • fenòcio: n. finocchio
    • feràiol: n. persona che lavora il ferro
    • feràl: n. particolare tipo di lanterna
    • ferànt: n. verdone
    • feràza: n. ferraglia
    • feriàda: n. inferriata
    • fia: n. figlia, figliola
    • fià: 1. n. fiato, alito; 2. avv. pò;3. far star do al fià: assillare, non concedere respiro
    • fiàca: 1. n. stanchezza; 2. agg. fiacca
    • fiadùn: n. vapore
    • fiàp: agg. floscio, molliccio
    • fiàtin: avv. pochino
    • ficàr: 1. v. mettere, spingere dentro;2. v. colpire verbalmente
    • fiévera: n. febbre
    • figà: n. fegato
    • figadèl, figadèt, figalèt): n. salsiccia di fegato
    • fighèr: n. fico, fichi (la pianta)
    • filò: n. far filò: stare a chiaccherare
    • fìnferlo: n. cantarello giallo
    • finì: 1. v.verb. participio passato del verbo finir;2. agg. finito; 3. fat e finì: tale e quale, identico
    • fintimài: avv. fino a quando
    • fiocàr: v. nevicare
    • fiòl: n. figlio, figliolo
    • fiorìn: n. polvere di fieno
    • fiòz: n. figlioccio
    • fis: 1. agg. fitto, denso;2. agg. fisso; 3. dormìr fis: dormire profondamente;
    • fis’ciàr: n. fischiare
    • fis’ciòt: n. fischietto

    • gabana: n. mantello
    • gabiòt: n. piccola struttura per ricovero di animali o attrezzi
    • gàia: n. ghiandaia
    • gàiardo: agg. gagliardo
    • galantòn: agg. galantuomo
    • galdèr: v. godere
    • galinèr: n. pollaio
    • galivàr: v. spianare una superfice
    • galìvo: agg. piano, pianeggiante
    • galòfa: n. galoscia
    • gambaròla: n. sgambetto
    • gamèla: n. pentolino
    • ganàsa: 1. n. ganascia; 2. n. mascella
    • gardèla: n. griglia
    • gardùs: n. maggiolino, maggiolini
    • gargàt: n. gargozzo
    • garnél: n. grano (di mais, acino d’uva, ecc.)
    • garòfol: n. garofano
    • gaso: n. cucitura
    • gat: 1. n. gatto, gatti
    • gatarole: n. solletico
    • gate: 1. n. gatte; 2. n. solletico
    • gen: n. gomitolo, gomitoli
    • genàro: n. gennaio
    • géscol: n. altalena
    • gévero: n. lepre
    • ghe: part.pren. ci
    • ghigna: n. aspetto minaccioso, cattivo
    • giachetòn: n. giaccone
    • giàra: n. ghiaia
    • giàsena: n. mirtillo
    • giàz: n. ghiaccio
    • giàzera: n. ghiacciaia
    • Gigi, Gio: n.pr. diminutivo di Luigi
    • giòz: n. goccio
    • giozolàr: v. gocciolare
    • gir: n. ghiro, ghiri
    • giustàr: v. aggiustare
    • gnàgnera: n. fiacchezza, apatia
    • gnanca: avv. neanche
    • gnas: agg. agordino, agordini
    • gnel: n. agnello
    • gnent: avv. niente
    • gner: v. venire
    • gnoc: 1. n. bernoccolo, accrescimento cutaneo; 2. n. gnocco, gnocchi
    • gnoca: 1. n. botta, colpo; 2. n. bernoccolo;3. n. ragazza, donna fisicamente attraente
    • gòia: n. voglia
    • goldòn: n. preservativo
    • gorna: n. grondaia
    • gòs: n. gozzo
    • gosèra: agg. vecia gosera: vecchia dispotica
    • Gostìn: n.pr. diminutivo di Agostino
    • gòto: n. bicchiere
    • gramo: 1. agg. pentito; 2. n. grammo
    • gran fato: avv. possibile che
    • granda: agg.f. grande
    • grant: agg.m. grande
    • grasa: 1. n. letame, concime; 2. agg. grassa
    • grasp: n. grappolo
    • grataròla: n. grattugia
    • gratòn: n. escoriazione
    • grave: n. greto del fiume
    • grévo: agg. grezzo
    • gri: n. grillo
    • grilét: 1. n. grilletto; 2. n. clitoride
    • griso: agg. grigio
    • grop: n. nodo
    • gròpola: n. sedimento del tabacco nella pipa
    • gropolòso: agg. nodoso
    • grun: n. mucchio
    • guarnàr: v. accudire le bestie
    • gumar: n. cetriolo
    • gusàr: v. affilare
    • gusèla: n. ago

  • nessun risultato
    • iachéta: n. giacca
    • Iàcon: n.pr. diminutivo di Giacomo
    • iara: n. ghiaia
    • iaz, iaza: n. ghiaccio
    • iazèra: n. ghiacciaia
    • ièia: n. zia
    • iert: agg. ripido (sentiero, persorso)
    • imbacucà: agg. imbaccucato
    • inbalinàr: v. impallinare
    • inberlàr: v. piegare, storcere, mettere fuori livello
    • inboconàr: v. mettere in bocca ad altri
    • inbotìda: n. trapunta
    • inbotìr: v. riempire l’interno
    • inbriagàr: v. ubriacare
    • inbrocàr: v. indovinare, azzeccare
    • inbroiàr: v. imbrogliare
    • inbusàr: v. nascondere, porre in luoghi poco adatti
    • inbustàr: v. inbucare
    • incalcàr: n. slogare, insaccare un muscolo, un nervo
    • incalmàr: v. innestare, fare un innesto (su una pianta)
    • incàlmo: n. innesto
    • incantonàr: v. chiudere (mettere) in un angolo
    • incartozàr: v. accartocciare
    • inciodàr: v. inchiodare
    • inciucàr: v. ubriacarsi
    • incò, incòi: n. oggi
    • incoconàr: v. imbocconare
    • incolorìr: v. colorare
    • incontentàr: v. accontentare
    • incornisàr: v. incorniciare
    • incrosàr: v. incrociare
    • indafarà: agg. affaccendato
    • indenociàr: v. inginocchiare
    • indormenzàr: v. addormentare
    • indòrmia: n. anestesia
    • indrezàr: v. raddrizzare
    • indrìo: avv. indietro

    • lac: n. lago
    • ladò: avv. laggiù
    • làgrema: n. lacrima
    • lagremàr: v. lacrimare
    • làip: n. mangiatoia dei maiali
    • lambìc: n. alambicco
    • lamòn: 1. n.pr. Lamon (il paese)
    • laoràr: v. lavorare
    • larc: agg. largo
    • làres: n. larice, larici
    • laresìn: n. boleto elegante, boleto biondo
    • larìn: n. caminetto, caminetti
    • lasta, laston, lastra: n. lastrone di pietra
    • lat de stria: n. celidonia
    • latàr: n. allattare
    • lateràl: n. comodino
    • lavàdor: n. asse di legno per lavare
    • lavànder: n. lavatoio
    • làver: n. labbro, labbra
    • laz: n. laccio, lacci
    • lec: n. gusto, piacere
    • lecapiè: agg. leccapiedi
    • leda: n. melma
    • ledamèr: . n. concimaia
    • ledan: n. letame
    • ledèr: v. leggere
    • lediér: agg. leggero
    • legnàda: n. botta, colpo, bastonata
    • legnèra: n. legnaia
    • leguàz: n. rugiada

    • macàr: v. ammaccare
    • macàr: v. ammaccare
    • machinàr: v. macinare
    • màcia: n. macchia
    • maciàr: v. macchiare
    • macotàr: v. ammmaccare
    • madàia: n. medaglia
    • madòna: n. 1. n. Madonna; 2. n. suocera
    • madùr: agg. maturo
    • madùrar: v. maturare
    • magnàr: v. mangiare
    • magnària: n. ruberia
    • magòn: n. tristezza, abbattimento morale
    • màia: n. maglia
    • màio: n. maggio
    • maiòn: n. maglione
    • malà: agg. ammalato
    • malandà: agg. malandato
    • malciapà: agg. preso male, malconcio
    • malegràzia: n. insulto
    • malmés: agg. messo male
    • malmostòso: agg. maleducato
    • malolentiéra: avv. mal volentieri
    • malùt: n. mallo
    • manarìn: n. piccola ascia
    • mancéner: v. mantenere
    • manco: 1. avv. meno; 2. eser de manco: essere inferiore
    • manda: 1. n. giovenca;2. f.verb. indicativo presente del verbo mandàr
    • màndola: n. mancia, tangente, pizzo
    • manedàr: v. maneggiare
    • manéga: n. manica
    • manégo: n. manico
    • manegòt: n. polsino
    • manéra: n. ascia, scure
    • manoàl: n. manovale
    • manoèla: n. manovella
    • manrevès: n. manrovescio
    • mantéga: n. maniglia
    • manùz: n. misura di paglia,foglie o vimini usata nella costruzione di ceste e sedie
    • maràntega: 1. n. respiro affanoso;2. tiràr su la maràntega: muovere il catarro
    • marcà: 1. n. mercato, mercati; 2. agg. marcato, segnato 3. f.verb. participio passato del verbo marcàr
    • mare: n. madre
    • maresìal: n. maresciallo
    • marevéia: n. meraviglia
    • maridàr: v. maritare
    • marsòn: 1. n. ghiozzo;2. agg. persona poco furba, sciocco, stupido
    • marti: n. martedi’
    • martorèl: n. martora
    • marz: n. 1. n. marzo; 2. agg. marcio
    • masa: avv. troppo
    • mas’cio: n. maschio
    • masèla: n. mascella
    • maselàr: n. dente molare
    • masiéra: n. luogo con sassi e grosse ghiaie
    • masnàr: v. macinare
    • masnìn: n. macinino
    • mastegàr: v. masticare
    • matùrlo, maturlòn: agg. sciocco, credulone
    • matusèl: agg. strano, pazzerellone
    • mazàr: v. ammazzare
    • mazaròl: n. creatura fantastica, dimorante nei boschi,che faceva perdere l’orientamento a chi l’incontrava
    • mazòt: n. mazzuolo
    • mazùc: agg. zuccone
    • mazùia: 1. n. mazza di legno; 2. n. grossa testa;3. agg. cocciuto, testardo
    • mè: agg.poss. mio
    • méda: n. covone
    • medàn: agg. mezzano, che sta nel mezzo
    • medanòt: n. mezzanotte
    • medesina: n. medicina
    • mèdo: agg. mezzo, meta’
    • medòl, mèdola: n. midollo
    • méi: 1. agg. miei; 2. n. i genitori del soggetto che parla
    • mèio: 1. avv. meglio; 2. agg. migliore
    • menàda: 1. n. storia lunga e noiosa; 2. n. presa in giro
    • menàr: 1. v. menare; 2. v. germogliare;
    • menarghela (menarla): 1. f.v. prendere in giro ripetutamente; 2. f.v. insistere verbalmente con lo stesso discorso;
    • menaròsto: agg. persona che ama le prese in giro
    • Ménega, Ménica: n.pr. diminutivo di Domenica
    • Ménego, Ménico: n.pr. diminutivo di Domenico
    • menzonàr: v. nominare, menzionare
    • mepòsta: agg. solo (da solo)
    • mèrcol: n. mercoledi’
    • me-sa: 1. n. messa
    • méscol: n. mestone per la polenta
    • mesiér: n. suocero
    • mestegàr: v. addomesticare
    • mèstego: 1. agg. docile;2. agg. domestico
    • mez: pr. mezzo (metà)
    • mi: pr.pers. io
    • Micèl: n.pr. diminutivo di Michele
    • mìcio: 1. n. micio
    • mila, mili: agg.num. mille
    • mino: n. gatto, gattino (usato coi bambini)
    • miodì: n. mezzogiorno
    • miseriòn: agg. sfaticato, poltrone
    • misiamént: n. rimescolio
    • misiàr: v. mescolare
    • misiòt: n. miscuglio
    • mocàr: 1. v. smettere di parlare; 2. mòchela là: smetti subito di parlare
    • mògnol: n. tutolo (parte interna della pannocchia)
    • mòi: agg. bagnato
    • molarghela: f.v. lasciar perdere
    • mòlder: v. mungere
    • moléta: n. arrotino
    • moltòn: 1. n. montone; 2. agg. stupido, ignorante;3. (mal del) n. orecchioni;
    • momo: n. caramella (usato generalmente da/con i bambini)
    • mona: 1. n. vulva; 2. agg. sciocco
    • monàda: 1. n. stupidaggine; 2. n. facezia
    • mòndizia: n. immondizia
    • mònega: 1. n. monaca; 2. n. scaldaletto
    • monesèl, monesìn: agg. morbido
    • montegàr: v. andare in malga con il bestiame
    • morbidìr: v. ammorbidire
    • mordesta: 1. agg. morsa, morsicata; 2. n.: morsicata;
    • morèr: n. gelso bianco
    • moròs: 1. n. fidanzato, amante; 2. far moròse: amoreggiare
    • morsegàr: v. morsicare, mordere
    • mort: 1. agg. morto;2. piànder al mort: lamentarsi fingendosi più poveri o disgraziati di quel che si è
    • moscardìn: agg. bel ragazzo
    • moscaròla: n. dispensa, con struttura lignea e telaio in rete metallica finissima per proteggere i cibi da mosche e insetti
    • moscàt: n. moscerino, moscerini
    • mosìna: n. salvadanaio
    • mostàci: n. baffi
    • moto: 1. n. gesto, segno d’intesa; 2. n. motocicletta
    • mòver: v. muovere
    • muci: inter. zitto, stai zitto
    • mùcio: n. mucchio
    • mul: 1. n. mulo; 2. aver al mul: tenere il broncio, essere di cattivo umore
    • mulàr: v. muggire
    • mulinèr: n. mugnaio
    • mur: 1. n. muro, parete; 2. quatro mur: casa
    • mus: n. asino, asini
    • musa: n. slitta da trasporto (usata per legna, fieno, ecc.)
    • musarola: n. museruola
    • mus’cio: n. muschio
    • muselòn: agg. musone

    • nadàl: n.pr. Natale
    • nani: n.pr. diminutivo di Giovanni
    • napa: n. cappa del camino
    • narànza: n. arancia
    • nasàr: v. annusare
    • nàser: v. nascere
    • nata: n. sacca negli ungulati maschi secernente l’odore sessuale
    • ‘ndar: v. andare
    • ‘nde’: 1. avv. dove
    • negàr: v. annegare
    • nela: 1. n.pr. Nella; 2. n.pr. diminutivo di Antonella
    • nena: n.pr. diminutivo di Maddalena
    • neno: n.pr. diminutivo di Nazzareno
    • neòdo: n. nipote
    • nèola: n. nuvola
    • net: agg. pulito
    • netàr: v. pulire
    • nevegàr: v. nevicare
    • : n. nido
    • nicòrderse: v. accorgersi

    • (mal) otorì: agg. male in arnese, che si presenta male
    • net: agg. pulito
    • nia: 1. avv. niente; 2. o tria o nia o molto o niente
    • ocedàr: v. occhieggiare
    • ocel: n. occhiello
    • och: n. oca, oche
    • oci: 1. n. occhi;
    • ociàda: n. occhiata
    • òcio: n. occhio
    • òciu: avv. attento (stai attento)
    • olentiéra, olintiéra: avv. volentier
    • olér: v. volere
    • olsàr: v. osare, avere il coraggio di
    • olta 1. n. volta; 2. far la olta: ritornare; 3. ndar a olta: andare (a trovare qualcuno, a vedere di qualcosa)
    • oltàda: 1. n. curva (di sentiero, strada, torrente) 2. ciapàr oltàde: prendere il discorso alla lontana
    • oltàr: v. girare, svoltare
    • ombra: n. bicchiere di vino
    • ombreléta: n. ombrellaio
    • ombrìa: n. ombra
    • òmega: n. nausea, disgusto
    • òmeni, omi 1. n. uomini; 2. n. mariti
    • on 1. n. uomo; 2. n. marito
    • ònder: 1. v. ungere; 2. v. dare una lezione, bastonare
    • òngia: n. unghia
    • ont: agg. unto
    • onza: 1. n. oncia; 2. n.: piccolissima parte
    • òr: n. orlo
    • orbesìgol: 1. agg. semicieco; 2. n. orbettino
    • ordén: n. ordine
    • os: n. osso
    • osacòl: n. coppa
    • osàr: v. gridare
    • osél: 1. n. uccello; 2. n. organo genitale maschile, pene
    • osmarìn: n. rosmarino
    • otimo: agg. in età da matrimonio
    • ovo: n. uovo

    • paca: 1. n. botta, contusione; 2. n. grande quantità
    • pacèca, pacèrega: n. poltiglia molle e informe
    • paciàr: v. masticare con la bocca aperta
    • paciùch: 1. n. lavoro fatto male; 2. agg. persona inaffidabile, di poco valore

    • quadò: avv. quaggiù
    • quaia: n. quaglia
    • quaia: n. quaglia
    • qualchedùn: pr. qualcuno
    • quarta: 1. agg. quarta; 2. alt na quarta: piccolo
    • quartadìn: n. il fieno del quarto taglio
    • quatàr: 1. v. coprire; 2. v. calmare
    • quatòrdese: agg.num. quattordici
    • quércio, quérco, quércol: n. coperchio
    • quérder: v. coprire
    • quért: 1. n. tetto; 2. n. riparo; 3. agg. coperto, riparato
    • quérta: 1. n.coperta; 2. agg.coperta
    • quértor: n. copriletto
    • quìndese: agg.num. quindici

    • racià: agg. ammaccato, parzialmente marcio (relativo ad un frutto)
    • ràcol: 1. n.oracolo
    • ràcola: n. raganella
    • radicèla: n. tarassico o dente di leone
    • radìcio: 1. n. radicchio; 2. agg. trevigiano
    • radìs: n. radice, radici
    • raf: o de rif o de raf in qualche modo
    • ramàda: n. rami degli alberi

    • sabo: n. sabato
    • saca: 1. n.f. sacca; 2. n. piccolo ramo attorcigliato
    • sacagnàda: n. grosso sforzo, sfacchinata
    • sacramentàr: v. imprecare, bestemmiare
    • saiàr: v. assaggiare
    • salà: agg. salato
    • salatàda: n. conto molto caro
    • salésola, saléz: n. salice

    • tabacàr: v. tirare tabacco (col naso)
    • tabaro: 1. n. specie di cappotto pesante
    • tabià: n. fienile, fienili
    • taca: n. tacca, segno indicativo
    • tacabrighe: n. attaccabrighe
    • tacapàni: n. appendiabiti, attaccapanni
    • tacàr: 1. v. iniziare, cominciare; 2. v. attaccare
    • tacolà: agg. maculato, pezzato
    • tacòn: n. 1. toppa, tope, pezza, pezze;2. pedo al bus del tacòn: il rimedio è peggiore del male
    • taconàda: 1. n.rattoppo; 2. n.rapporto sessuale
    • taconàr: v. rattoppare, mettere delle toppe
    • tacuìn: n. portafoglio
    • tafanàrio: n. cosa strana, in genere voluminosa e poco utile
    • tai: n. taglio
    • taia: n. tronco d’albero tagliato e ripulito
    • taià: 1. agg. furbo, astuto; 2. agg. tagliato
    • taiadèla: n. tagliatella
    • taiàr: v. tagliare
    • taièr: n. tagliere

    • ùa:n. uva
    • udòr: n. odore
    • ugnòl: agg. singolo, unico
    • un drio man: f.id. di seguito, in fila
    • undése: agg.num. undici
    • urtàr: v. innervosire
    • usùra: n. giuntura degli arti (particolarmente gomiti e ginocchia)
    • ùzera: n. piaga, ulcera

    • vaca: 1. n. vacca, mucca
    • val: n. valle
    • valegòta: n. piccola valle
    • valisa: n. valigia
    • van: 1. n. setaccio per la pulizia dei fagioli
    • vantiéra: n. vassoio
    • vanùia: n. vasca di legno che viene riempita d’acqua bollente per scotennare il maiale
    • vanzàr: v. avanzare
    • varda: 1. v.verb. guarda;2. far la varda: fare la guardia, tener d’occhio
    • vardàr: v. guardare
    • varòla: n. ciccatrice dell’antivaiolosa
    • varòt: n. lenzuolo grezzo usato per trasportare il fieno
    • vasèl: n. arnia
    • vasòr: n. vomere dell’aratro
    • vecio: agg. vecchio
    • vedèl: n. vitello
    • véia: n. veglia
    • velùdo: n. velluto
    • vendéma: n. vendemmia
    • vendémar: v. vendemmiare

    • (gal) zedròn: n. gallo cedrone
    • zanc, zanco: n. e agg. mancino
    • zarésa, zariésa: n. ciliegia
    • zaréser, zariéser: n. ciliegio, ciliegi
    • zarlatàn: agg. ciarlatano
    • zarpa: n. vinaccia
    • zata: n. zampa
    • zavàta: n. ciabatta
    • zavatàr: v. ciabattare
    • zavàtol: n. fringuello
    • zavatòn: agg. persona che fa le cose con poca cura, alla buona
    • zeca: 1. n. zecca;
    • zendro: n. cenere
    • zenpedòn: n. tipico arnese curvo di legno, che serviva per portare sulle spalle due secchi d’acqua
    • zentenér: agg.num. centinaio
    • zenzo: agg. omonimo
    • zeòla: n. cipolla
    • zercàr: v. cercare
    • zércol: n. cerchio
    • zerpìr: v. potare
    • zervèl: n. cervello
    • zest: n. cesto, cesti
    • ziéra: n. cera, aspetto del viso
    • ziésa: n. siepe
    • zigàr: v. gridare, urlare
    • zigaréta: n. sigaretta
    • zìgol: n. piccolo/i cuneo/i di legno
    • zìliga: n. rondine
    • zima: 1. n. cima, vetta di un monte
    • zimènt: tiràr a zimènt: portare all’esasperazione
    • zìngher: n. e agg. zingaro, zingari
    • zìngherna: n. e agg. zingara
    • zinturéla (fongo dela): n. chiodino
    • zìrela: n. tipo di caramella bianca e rotonda
    • zivìta: n. civetta
    • zoc, zoca: 1. n.ceppo; 2. n. e agg. zuccone
    • zòcol: n. zoccolo
    • zopa: n. zolla di terra con erba
    • zopèla: n. zoccolo, in particolare zoccolo leggero da donna con suola in legno
    • zot: agg. zoppo, zoppi
    • zuc: n. zucca
    • zuchèra: 1. n.pianta della zucca; 2. n. la testa (il cervello) di uno zuccone
    • zùchet: n. zucchina
    • zurla: n. gracchia
    • zurlo: agg. sciocco

© 2015-2016 - Vieceli - 32030 Fonzaso (BL) - info@vieceli.it - privacy and cookies policy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi